Riflessioni sulla Brexit

Philippe Laurette

Notizie

8 Maggio 2021


Dopo secoli di conflitti e le atrocità della Seconda Guerra Mondiale, con i suoi milioni di morti e i campi di concentramento, alcuni europei illuminati, tra cui Jean Monnet, riuscirono a convincere i politici a costruire e sviluppare una comunità europea che divenne l'Unione Europea. L'idea semplice, valida ancora oggi, è quella di risolvere i conflitti in modo pacifico e di essere più efficaci insieme che da soli, sia nell'ambito dell'Organizzazione mondiale del commercio, sia nel sostenere i programmi di ricerca o nel negoziare accordi con altri Paesi o aree economiche. Le deleghe di potere a livello europeo sono concordate liberamente. I cittadini hanno voce e potere di codecisione attraverso l'elezione del Parlamento europeo a suffragio universale.
L'interesse comune europeo è ricercato, proposto e salvaguardato dalla Commissione europea e la legge è rispettata da tutti con la vigilanza della Corte di giustizia europea.


Questa Europa è l'invidia del mondo e molti Paesi esprimono regolarmente il desiderio di unirsi a questo paradiso di pace e ricchezza.
Sognano una magistratura indipendente, di beneficiare di politiche strutturali come la Politica Agricola Comune, il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale, il Fondo Sociale Europeo che favoriscono i Paesi meno sviluppati e la possibilità di uscire dalle catene nazionaliste rispettando il motto europeo: Uniti nella diversità.


L'Europa, dopo il Trattato di Parigi sulla CECA (Comunità europea del carbone e dell'acciaio) del 1951 e i Trattati di Roma sulle Comunità europee del 1957, è cambiata e si è sviluppata molto.


La lucidità impone che, paradossalmente, l'entusiasmo dell'Europa, ad eccezione del periodo intorno alla creazione del mercato interno nel 1993 sotto la presidenza di Jacques Delors, non c'è, mentre stiamo vivendo un periodo chiave in cui i nostri valori fondamentali possono essere messi in discussione. Il no al referendum del 2005 sul Trattato costituzionale in Francia e nei Paesi Bassi ne è un esempio. Il risultato del referendum del 2016 nel Regno Unito, che ha visto la vittoria del Sì alla Brexit con il 51,9%, è un altro. È la prima volta che si arresta il continuo movimento di allargamento. Si tratta di una grave battuta d'arresto per il progetto europeo, poiché il Regno Unito è un Paese che conta in Europa. Il quotidiano messicano El Universal riassume bene la situazione in un editoriale. "I Paesi membri dell'Unione Europea sono un punto di riferimento per il mondo occidentale per i progressi compiuti in termini di benessere, diritti umani e qualità della vita. Il giornale si rammarica che la vittoria del campo pro-Brexit minacci la costruzione dell'Europa e faccia "vacillare uno dei modelli di integrazione di maggior successo, in questo mondo multipolare contemporaneo dove la costruzione di blocchi è un tentativo di consolidare interessi comuni". Come si è arrivati a questo?

Ogni Paese ha la sua storia, la sua cultura, le sue tradizioni e le sue specificità.
Lo stato d'animo britannico è particolare e profondamente radicato: quello di isolani che considerano l'Europa come il continente.


Questo Paese ha un passato prestigioso. Era la prima potenza militare, industriale, commerciale ed economica del mondo. Dalla metà del XVIII secolo dominava i mari con un'imponente flotta militare e commerciale, che le consentiva di evitare le invasioni e di limitare le conseguenze dei blocchi economici. Ha beneficiato del fatto di essere il luogo della prima rivoluzione industriale. Thomas Newcomen inventò la macchina a vapore nel 1705, la macchina per tessere meccanica nacque nel 1769 e nel 1804 fu fatto il primo tentativo di costruire una locomotiva a vapore. La sterlina divenne la valuta internazionale nel XIX secolo. Dal punto di vista politico, nelle relazioni estere era sempre semplice evitare che un altro Paese dominasse l'Europa: Spagna, Francia, Austria, Prussia o Russia.


Al suo apice, nel 1922, l'Impero britannico contava 400 milioni di persone, un quarto della popolazione mondiale e circa il 22% della massa terrestre.


Il Regno Unito è riuscito a non farsi invadere né da Napoleone né da Hitler ed è stato uno dei grandi vincitori della Seconda guerra mondiale nel 1945, a cui siamo tutti debitori, ma il Paese in quel momento era esausto, quasi in bancarotta, perdeva man mano parte del suo impero, vedeva diminuire il suo potere su scala internazionale, culminando nel fiasco della spedizione di Suez nel 1956.
D'ora in poi, prima del risveglio cinese, gli Stati Uniti e l'URSS dominano da soli il mondo e la Germania sta gradualmente tornando a essere una grande potenza economica.


Tre caratteristiche britanniche fanno luce sulle relazioni tra Regno Unito ed Europa a partire dal 1946. La convinzione della superiorità del libero scambio, il rifiuto del protezionismo e delle politiche industriali. Il rapporto speciale con gli Stati Uniti. Pragmatismo.


Il Regno Unito non credeva affatto nel successo della CECA nel 1951 e non apprezzava la reintegrazione della Germania. Dopo la creazione della CEE nel 1957, nel 1960 ha lanciato l'EFTA, che comprendeva altri sei Paesi: Danimarca, Norvegia, Svizzera, Portogallo, Austria e Svezia. Per Jean Monnet: "gli inglesi rispettano i fatti. Se vogliono entrare nel mercato comune, è perché noi ci siamo riusciti. L'adesione è stata ritardata dai due veti del generale de Gaulle nel gennaio 1963 e nel novembre 1967. Il presidente Georges Pompidou, più anglofilo, sbloccò la situazione e permise l'adesione il 1° gennaio 1973. Un referendum nel Regno Unito, nel giugno 1975, si è concluso con una vittoria del 67,2% a favore della permanenza in Europa. Rimanevano delle ambiguità, poiché il Regno Unito era riluttante a vedere l'Europa permettere alla Germania di tornare a essere una potenza normale ed economicamente forte, e a vedere l'Europa come qualcosa di più di un'area di libero scambio. Non è favorevole alle varie istituzioni europee e deplora le politiche comuni di solidarietà finanziate dal bilancio europeo.

Va notato che i due principali partiti conservatori e laburisti non saranno mai unanimi sull'Europa e che le loro posizioni si evolveranno nel tempo. Margaret Thatcher, conservatrice, inizialmente era favorevole all'Europa, ma una volta al potere chiese uno sconto sul bilancio europeo nel novembre 1979 e lo ottenne al vertice di Fontainebleau nel maggio 1984. Si è sistematicamente opposta a qualsiasi sviluppo federale dell'Europa e ha ottenuto un opt-out dal Trattato di Maastricht nel febbraio 1992 per evitare di aderire alla moneta unica. Inoltre, non ha firmato l'accordo di Schengen sulla libera circolazione delle merci e delle persone nel 1985. Nel 1988 ha pronunciato il discorso di Bruges, che ha sancito la sua visione di un'Europa degli Stati nazionali. Nel 2004, con Tony Blair, primo ministro laburista, che si presentava come amico dell'Europa, è stato fortemente incoraggiato l'allargamento dell'Europa a 10 nuovi Paesi. L'obiettivo è duplice: integrare i Paesi dell'Europa centrale e orientale e rimuovere gli ostacoli all'integrazione nell'UE. Il Paese farà inoltre il possibile per bloccare qualsiasi politica di difesa e sicurezza. La costante preoccupazione di apparire come partner privilegiato degli Stati Uniti, l'assoluta fedeltà alla NATO e il sostegno alla Guerra del Golfo. Durante la crisi economica, nel 2011 David Cameron, primo ministro conservatore, ha rifiutato un trattato di bilancio che, a suo dire, avrebbe danneggiato la City.

Il pragmatismo britannico, altra caratteristica, fa miracoli nelle istituzioni di Bruxelles. L'attività di lobbying viene svolta con brio, competenza e professionalità. Il Regno Unito sta approfittando degli allargamenti che impongono la lingua inglese a scapito del francese, che era esotico per i nuovi entrati, ad eccezione della Romania. Promuove il proprio modello di pensiero ed espressione, chiaro, preciso e diretto, e si dota di efficaci strumenti di controllo. Cerca di piazzare i suoi uomini o le sue donne a tutti i livelli rilevanti nelle direzioni generali della Commissione europea con l'obiettivo di proteggere la City, le sue istituzioni finanziarie, le sue compagnie di assicurazione, il suo modello di pensiero. Purtroppo per lei, una manovra politica interna del Primo Ministro Cameron minerà tutti i suoi successi con il referendum sulla Brexit. Pensava di ottenere un no, invece ha ottenuto un sì. Il Regno Unito si è dato la zappa sui piedi.

Questo risultato era inaspettato. La maggior parte delle relazioni dei datori di lavoro, dei sindacati, dei centri di ricerca, comprese le università, la Banca d'Inghilterra e le camere di commercio hanno spiegato che votare per la Brexit sarebbe stato un errore. È riuscita a crearsi una potente cospirazione antieuropea. Si avvale del sostegno della stragrande maggioranza della stampa popolare, del leader dell'UKIP (UK Independence Party), il brillante oratore Nigel Farage, di numerosi social network, alcuni dei quali beneficiano di un significativo supporto tecnico e finanziario da parte degli Stati Uniti o della Russia, e di conservatori opportunisti in cerca di potere, Boris Johnson è il tipico esempio, che si uniscono agli euroscettici storici fedeli alla linea Thatcher. Si basano su un profondo sentimento anti-elitario e anti-conoscitivo delle classi lavoratrici, sul senso di abbandono delle regioni rurali o ex-industriali, sul disimpegno di bilancio e sociale dei servizi pubblici, sull'ostilità dei pescatori, sull'indebolimento delle pensioni e sulla sensazione generale di declino. Il futuro è visto come più cupo, soprattutto per i suoi figli. La nostalgia per il passato glorioso, per l'Impero, è amplificata dalla stampa popolare, che è molto ben distribuita. Non si entra nei dettagli, non ci sono sfumature, titoli fuorvianti: l'Europa viene sistematicamente presentata come la disgrazia, la rinuncia all'interesse nazionale, la presa di potere da parte di tecnocrati europei e stranieri. I migranti sono ritenuti colpevoli di invasione, sostituzione, appropriazione indebita di posti di lavoro, persino i polacchi bianchi e cattolici sono presi di mira.

Cosa troviamo?


Il voto e i sondaggi successivi indicano che la profonda divisione del Paese non è scomparsa. La Brexit ha il sostegno delle campagne, delle periferie, della classe operaia, delle persone con un basso livello di istruzione e degli anziani, in Inghilterra e in Galles. Rimanere: le città, compresa Londra, le persone
istruiti, molti dei leader delle grandi aziende, della Scozia, dell'Irlanda del Nord, dei giovani.

A Londra ci sono state enormi manifestazioni in tutto il Paese con migliaia di bandiere europee.


Non c'è stato alcun effetto domino, anzi, la Brexit appare ancora agli altri Stati membri come un repulsore. L'opinione pubblica non è favorevole. In particolare, non vogliono perdere i finanziamenti europei. C'è anche una migliore percezione dell'Europa da parte dei cittadini europei.


Si stanno compiendo progressi significativi impensabili con la presenza del Regno Unito, come l'eccezionale piano di rilancio da 750 miliardi deciso il 21 luglio 2020 dai capi di Stato e di governo per superare la crisi della covid...


Le altre difficoltà previste ci sono, nonostante l'accordo post-Brexit: il Regno Unito non sembra voler rispettare gli impegni presi sull'Irlanda del Nord e con l'Europa è in corso una prova di forza.


Le aziende britanniche, in particolare le PMI, che esportano verso l'UE sono penalizzate dal costo delle formalità doganali. Il centro finanziario di Londra è indebolito. La Scozia, che vuole rimanere nel mercato unico europeo, vuole un nuovo referendum sull'uscita dal Regno Unito.

Sul fronte politico, Keir Starmer, leader laburista pro-europeo, ha preso il posto di Jeremy Corbyn, che aveva fatto una campagna molto tiepida durante il referendum.

Il primo ministro Boris Johnson rimane imprevedibile come sempre. Sottolinea la Gran Bretagna globale, l'importanza della regione indo-pacifica e l'aumento del numero di testate nucleari. Vuole fare una promessa al Presidente Biden, ma quest'ultimo non ha dimenticato di aver sostenuto Trump. Tuttavia, ci vorrà ancora del tempo per giudicare con il necessario senno di poi la reale situazione del Regno Unito, il suo posizionamento, la sua influenza a livello internazionale e per valutare lo stato della sua economia.


È auspicabile e incoraggiato che l'opinione pubblica britannica maturi a favore del ritorno del Regno Unito nell'Unione Europea a tempo debito, con l'ambizione di favorire l'emergere di una vera potenza europea.

NEWSLETTER DELL'ACCADEMIA DI YUST N. 6 Giugno 2021

Torna all'inizio