La GMG in prima linea per l'adesione dell'Ucraina all'UE

Olivier Védrine

Ucraina

6 luglio 2022


L'"Appello di Kyiv" viene pubblicato il giorno dello scoppio dell'aggressione russa contro l'Ucraina.

Ucraina
Appello di Kiev

AJM in prima linea

per l'adesione dell'Ucraina all'UE

Olivier VédrineIl direttore del WJA ha pubblicato l'"Appello di Kiev" il 24 febbraio 2022, giorno dello scoppio dell'aggressione russa contro l'Ucraina.
Questo appello avvia il processo di adesione dell'Ucraina all'Unione europea.
Henri MalosseL'ex presidente dell'AJM è stato coinvolto in questo processo fin dall'inizio.

Entrambi spiegano il contesto del loro lavoro e le conseguenze della decisione dell'UE del 23 giugno 2022 di accettare l'Ucraina come futuro membro.

Manutenzione

di Pascal Junghans

Associazione Jean Monnet Qual è il significato dell'"Appello di Kiev"?

Olivier Védrine Ho vissuto a Kiev per diversi anni e ho anche lavorato con l'opposizione russa a Putin. Ho partecipato alla rivoluzione di Maidan (NDR: la rivoluzione di Maidan, nome della piazza centrale di Kiev, si è svolta tra il 18 e il 23 febbraio 2014 e ha portato alla formazione di un governo pro-europeo). Prima dello scoppio dell'aggressione russa, avevo una buona sensazione sui rischi della guerra, anche se nessuno ci credeva. Il 2 febbraio 2022 ho pubblicato un'analisi dei diversi scenari di aggressione. Ho percepito anche la forte richiesta di Europa da parte degli ucraini.
Così, il 21 febbraio 2022, ho pubblicato sul Kyiv Post l'"Appello di Kyiv", augurandomi che l'Unione si dimostri degna di Jean Monnet, che ha chiesto il rafforzamento dell'Europa con i popoli. L'"Appello di Kiev" ha chiesto che il processo di adesione dell'Ucraina all'UE sia avviato senza indugio. Il 24 febbraio 2022, questo appello è stato pubblicato da la Tribune de Genève.
Ha avuto subito un grande impatto nei circoli illuminati dell'Unione e in Ucraina. I membri della Rada hanno condiviso l'appello, che è poi arrivato alla Presidenza. Il Presidente ucraino Volodymyr Zelenski ha poi ripreso alcuni punti dell'Appello nei suoi interventi.

Henri Malosse L'aggressione russa non è iniziata nel 2022. La guerra è iniziata nel 2014 e ha ucciso più di 15.000 persone da entrambe le parti. Era necessario reagire. E la soluzione europea era ovvia per l'Ucraina.
La sua adesione, nel quadro della sovranità europea, che Philippe Laurette ed io promuoviamo dal 2008, dovrebbe essere la principale prospettiva per questo Paese.
Olivier Védrine ed io abbiamo avuto un posto in prima fila durante la rivolta di Maya nel 2013/2014 e siamo stati entrambi insigniti del prestigioso Ordine di San Vladimir per il nostro sostegno al popolo ucraino - questa è la nostra legittimità!

O.V. (FR) Infatti. L'adesione dell'Ucraina alla NATO è un casus belli per la Russia. Dobbiamo riconoscere le realtà geopolitiche. Il conferimento dello status di candidato all'Ucraina dà una boccata d'aria fresca, un'enorme speranza, al popolo ucraino senza rappresentare una provocazione per Putin.

AJM Quale sarà il percorso dell'eventuale integrazione dell'Ucraina nell'Unione?

O.V. Questo status di candidato non è un assegno in bianco, ma deve essere accompagnato da una reale volontà politica da parte del governo ucraino.
Ciò richiede riforme profonde. E prima di tutto la lotta alla corruzione. Sappiamo che gli oligarchi ucraini vorranno rallentare il processo, come segno della loro perdita di potere politico ed economico. Ma il popolo vuole accelerare. La rivoluzione di Maidan, opera della società civile, aveva già delle richieste anti-corruzione. È il popolo che deve avere ragione.
Noi europei dobbiamo sostenerlo. La seconda curva di apprendimento è quella della democrazia, di cui l'Ucraina ha poca esperienza. Il paese dovrà quindi compiere sforzi notevoli, non avere più candidati alle elezioni sistematicamente presentati da oligarchi, lavorare per la parità tra uomini e donne, ecc...

H.M. Lo status di candidato dell'Ucraina dovrebbe rafforzare lo Stato di diritto. Non dobbiamo nasconderci. Sappiamo che oggi il governo di Kiev sta mettendo al bando i partiti - alcuni filorussi, ma non tutti. Siamo anche molto preoccupati per la forza e le attività dei gruppi di estrema destra.

O.V. Dobbiamo tenere d'occhio le cose. Ma i partiti vietati stavano minando lo sforzo bellico. Non è molto intelligente da parte delle autorità, ma bisogna capire senza necessariamente accettare. Per quanto riguarda i gruppi di estrema destra, essi sono difficilmente rappresentati nella Rada.

AJM In che modo questa adesione è positiva?

O.V. Il processo di adesione dell'Ucraina è un forte simbolo politico e geopolitico. Soprattutto, dimostra che l'Europa non è una tecnocrazia, ma un progetto e dei valori. Dimostra che l'Europa difende ancora le idee umaniste che erano fondamentali per Jean Monnet e gli altri padri fondatori.

AJM Quali sono i rischi dell'adesione?

O.V. Non si tratta certo del rischio geopolitico di un possibile confronto diretto con la Russia. Questo Paese condivide già un confine con l'Unione, attraverso gli Stati baltici. E, per il momento, l'Unione non è considerata un'entità geopolitica da Putin.
D'altra parte, c'è un rischio economico reale. Durante l'Unione Sovietica, l'Ucraina aveva un'industria sviluppata e diversificata.
Dal 1991 in poi, l'economia ha subito un declino e si è spostata verso l'agricoltura e l'estrazione di materie prime. Il Piano di Lugano, deciso il 5 luglio 2022, prevede 750 miliardi di dollari per la ricostruzione dell'Ucraina.
Questo nuovo "Piano Marshall" non deve essere dirottato dagli oligarchi e non deve alimentare un barile di Danaid. Deve davvero permettere all'Ucraina di unirsi ai ranghi delle nazioni sviluppate.

H.M. Già nel 2008, con Philippe Laurette, abbiamo promosso un progetto europeo aperto a tutti i popoli europei, a condizione di rispettare lo Stato di diritto e di integrare il mercato unico.
Il ruolo dell'Associazione Jean Monnet è quello di aiutare, attraverso lo sviluppo degli scambi, il popolo ucraino nel suo lungo cammino verso l'Unione.

Dal 2008, con Philippe Laurette, siamo venuti a incontrare gli ucraini per far loro conoscere il metodo Monnet e abbiamo detto loro che il progetto europeo era aperto a tutti i popoli europei. L'Ucraina, ma anche la Russia un giorno, potranno entrare a far parte della famiglia europea a patto che rispettino lo Stato di diritto, i nostri valori democratici e abbiano la capacità di integrare il mercato unico.
È compito dell'Associazione Jean Monnet aiutare, attraverso lo sviluppo degli scambi, il popolo ucraino nel suo cammino verso l'Unione, che ci auguriamo sia il più rapido possibile, poiché da esso dipendono la pace e la stabilità del nostro continente.

Torna all'inizio