Petizione per l'Ucraina

Notizie

20 settembre 2022


Rispondendo alla richiesta del Consiglio europeo riunitosi a Versailles il 10 marzo, la Commissione europea ha avviato senza indugio il processo che porterà all'apertura dei negoziati per l'adesione dell'Ucraina all'Unione europea. 

In visita personale a Kiev l'8 aprile, all'indomani delle tragiche scoperte di Butcha, la Presidente della Commissione, Ursula Von der Leyen, si è impegnata a presentare al Consiglio europeo, prima dell'estate, il parere che avrebbe dato ai negoziatori il segnale di partenza. Per lei, "sono le nostre persone e vogliamo che siano all'interno".

Questo gesto forte e notevole è importante. Ma purtroppo rimarrà simbolico. L'Ucraina può solo seguire l'iter formale previsto dai testi. Questo processo può richiedere diversi anni, più di un decennio nel caso delle più recenti adesioni dei Paesi dell'Europa centrale e orientale. La fase iniziale di approvazione dei negoziati di apertura è seguita da una lunghissima fase di esame tecnico e da una fase finale di ratifica. Tutte le istituzioni dell'UE e gli Stati membri sono coinvolti in ogni fase.

È concepibile che una procedura così macchinosa possa essere utilizzata in un momento in cui l'Ucraina e i nostri concittadini europei si trovano in uno stato di assoluta emergenza? Il Presidente Zelensky chiede giustamente una procedura speciale ed eccezionale.

Non è possibile concedere l'adesione al ribasso, che sarebbe fonte di ulteriori incomprensioni e frustrazioni. D'altro canto, i firmatari chiedono ai responsabili delle istituzioni europee di fare il possibile per garantire che le cosiddette disposizioni di preadesione siano attuate entro il 2022. Queste disposizioni garantiscono al Paese candidato un aiuto finanziario e un supporto tecnico da parte di team europei multinazionali per consentirgli di soddisfare al meglio i requisiti di adesione. I firmatari chiedono che questi finanziamenti e queste squadre vengano dispiegati non appena sarà approvato un primo accordo di pace, su una scala eccezionale corrispondente ai danni materiali e umani subiti dall'Ucraina.

Fare un annuncio del genere oggi sarebbe un segno di fiducia nella capacità del popolo ucraino di ricostruirsi, una risposta chiara al suo desiderio di unirsi a noi, un orizzonte per il suo futuro oltre la guerra, in linea con la natura e la vocazione stessa dell'Unione europea. Compiere effettivamente un gesto del genere significherebbe anche dare le migliori possibilità di un rapido completamento dell'adesione stessa. 

Sostenete la petizione su change.org

Ursula Von der Leyen, Roberta Metsola, Charles Michel

Signore e signori, 

Signor Presidente,

Vi preghiamo di prendere nota dell'appello allegato all'Europa: gli aiuti urgenti all'Ucraina devono diventare aiuti di preadesione.

Contiamo sulla vostra forte volontà comune europea di raggiungere al più presto questo importante obiettivo per l'Ucraina e per l'Europa.

Vogliate accettare, Signore e Signori, l'assicurazione della nostra massima considerazione.

Thierry Jeantet
Presidente del Mouvement d'Action Réflexion pour les Réformes Sociales

Philippe Laurette
Presidente dell'Associazione Jean Monnet

Primi iniziatori :

Annie Blanchard, attivista comunitaria, Francia

Agnès Fossaert, decano onorario della Corte di Cassazione, Francia

Tiziana Simoni, ex studentessa della Sc-Po-Bologna, Italia

Screcko Cebron, cooperative impegnate, Slovenia

Rui Coelho E Campos, Avvocato, attivista SSE, Portogallo

Guy Courtois, impegnato nella Finanza Solidale, Francia

Edwin Morley-Fletcher, Presidente di Lynkeus, Italia

Michel Porta, cofondatore di M.A.R.S., impegnato nel Movimento Cooperativo Europeo

Jérome Vignon, impegnato nelle associazioni

Édouard Pflimlin, redattore multimediale per la stampa e l'editoria

Torna all'inizio