Europa 2021: una ricerca forzata del tempo perduto?

Bruno Véver

Notizie

10 marzo 2021


L'Europa avrà iniziato il 2021 segnata per lungo tempo da profondi cambiamenti. Non potrà più sottrarsi, dopo averle rimandate se non dimenticate per tanto tempo, a riforme radicali per assumerne tutte le conseguenze.

Addio Gran Bretagna

Il primo cambiamento era anche il più atteso. Dopo un'estenuante e opaca contrattazione, il Regno Unito ha infine lasciato l'Unione Europea, provocando una serie di tensioni secessioniste.
L'Unione europea, da parte sua, avrà dimostrato una solidarietà incrollabile in questo divorzio, dove molti temevano divisioni o, peggio, effetti domino. L'uscita della Gran Bretagna incide certamente sul peso specifico dell'Unione Europea. Ma ha il merito di mettere le cose in chiaro: non si può impunemente voler avere la botte piena e la moglie ubriaca bloccando la ristrutturazione della cremeria...

Maastricht rivisitato con urgenza

Questo chiarimento arriva nel momento migliore. L'altro cambiamento, quello che non ci si aspettava più, è stata la rimozione, a seguito di un improbabile virus, delle altre serrature che bloccavano questo rinnovamento. Così, per evitare che l'economia affondi sotto il peso di una recessione storica (meno 8% nel 2020 sia per l'UE che per la Francia), la Banca Centrale Europea ha rivisto a modo suo gli ormeggi di Maastricht, spazzando via i pregiudizi della Corte Costituzionale di Karlsruhe. 1.300 miliardi di euro, cioè dieci volte il bilancio annuale dell'UE, in riacquisti di obbligazioni e iniezioni di liquidità, senza preoccuparsi troppo delle interpretazioni dei trattati.

L'Unione europea non è stata da meno, rompendo a sua volta i codici di Maastricht, la crisi ha reso irriconoscibile la cancelliera Merkel al punto da essere la prima a mordere il frutto proibito sventolato da Macron, questo progetto di prestito comune che per tanto tempo era rimasto nel mirino di una linea Sigfrido che proteggeva i suoi interessi oltre che la sua virtù. Al Presidente della Commissione, un connazionale contaminato dalla trasgressione, non restava che aumentare l'eresia a 750 miliardi. Più abituati a litigare per qualche milione che per tanti miliardi, i 27 hanno comunque finito per ratificarlo più o meno alla fine di una maratona di mezza settimana, all'alba del 21 luglio 2020, che passerà agli annali dell'Unione come la sua "notte del 4 agosto"!

Nuovo accordo sul tappeto stellato

Un virus avrà quindi spostato le linee rosse dei trattati, così diligenti nel limitare i mezzi di convivenza agli interessi prioritari degli Stati. Ma "la necessità è la legge", ammise alla fine il 27enne. I mercati azionari avranno sfruttato al meglio tutti questi rovesci, drogati di paradisi, anche se artificiali, dopo aver sfiorato l'inferno...
Cosa succede ora? Con l'euro reso permanente a lungo termine, la solidarietà bloccata in parallelo senza via d'uscita, le spese comuni improvvisamente più alte dei fondi non mutuati, l'Unione europea si trova costretta a muoversi e innovare, dopo tanti anni persi nell'immobilismo e nel conservatorismo...

Un bilancio 2021-2027 con un doppio fondo

Con la scomparsa del Regno Unito, tuttavia, i 27 non rimangono semplicemente fedeli all'uso pratico del loro linguaggio universale. C'è anche un profumo persistente lasciato dall'assente. Etichettati come frugali da alcuni, avari da altri, diversi Stati più ricchi e meno convertiti di altri si sono scrollati di dosso i vapori di luglio per far riemergere a dicembre tutto lo spirito "money back" concretizzato da Margaret Thatcher.
Lo hanno testimoniato i burrascosi negoziati di fine 2020 sul bilancio pluriennale europeo 2021-2027, che lo hanno limitato a 1.074 miliardi di euro (appena rivalutato a 1.085 dal Parlamento europeo a costo di trasferimenti contabili), tradizionalmente vicino all'1% del PIL come il precedente bilancio 2014-2020 di 960 miliardi.

Naturalmente vanno aggiunti i 750 miliardi presi in prestito dalla Commissione, anche se i 500 miliardi di sussidi originariamente proposti erano già stati ridotti a 390 dai frugali durante la maratona di luglio, con prestiti rivalutati da 250 a 360 per risparmiare le 750 buste.
Questo prestito viola quindi per la prima volta il tetto di 1% del PIL imposto al bilancio europeo. Ma questo è ancora molto lontano dal 20% del bilancio federale degli Stati Uniti, dove la pressione fiscale complessiva è inferiore di un terzo a quella imposta agli europei, avvicinandosi addirittura alla metà del PIL per la Francia!

Un'equazione insolubile senza innovazione

A partire dal 2028, i 27 dovranno rimborsare rate congiunte che li vincoleranno fino al 2058. Anche se oggi i tassi di interesse sono bassi, il prestito dovrà comunque essere pagato in contanti. Alcuni economisti o economisti qualificati amano parlare dei miraggi della cancellazione del debito, nonostante l'irreparabile sfiducia e le fratture che un tale dibattito creerebbe, spezzando ogni fiducia e assicurando il fallimento non solo della ripresa ma della stessa Unione. Dovrà essere restituito, come ha subito sottolineato il Presidente della BCE.

Alcuni tempereranno la parola ufficiale sussurrando che sarà necessario darsi i mezzi per onorare le scadenze anche se dovessimo decidere di continuare a "rollare" il debito. La Commissione si è certamente impegnata a presentare questo prestito come non rinnovabile, ma cosa ci riserverà il futuro in un mondo in cui gli equilibri di potere cambiano continuamente? Si dice che Jacques Chirac abbia confidato che in politica le promesse sono vincolanti solo per chi le riceve. Sarà necessariamente diverso a livello europeo? Possiamo anche meditare su François Mitterrand: dobbiamo dare tempo al tempo. E soprattutto, non sprechiamola più!

Innovare per migliorare il valore del prestito

Ora che gli eurobond sono passati dal regno della finzione a quello della realtà, si pone la questione della loro gestione ottimale da parte della Commissione. Con essa, merita di essere ripreso un progetto a lungo accantonato: non dovremmo creare un "Tesoro" europeo per gestire meglio, in collegamento con la BCE, questa ingegneria finanziaria comune, anche se sarebbe stato più logico pensarci prima che dopo?

È inoltre sorprendente che questo prestito europeo non venga oggi pubblicizzato a tutti i risparmiatori, come se dovesse rimanere una questione privata per gli addetti ai lavori dell'alta finanza. La Commissione non sta perdendo un'altra occasione per avvicinare l'Europa ai suoi cittadini?
L'utilizzo del grande prestito avrebbe meritato un dibattito migliore. La ridistribuzione dei fondi è attualmente regolata da quote nazionali, principalmente dirette ai Paesi del Sud, il che faceva certamente parte dell'accordo. Senza negare in alcun modo questo imperativo di fronte alla crisi sanitaria, che è stata solo rafforzata dalle esigenze ecologiche, non sarebbe stato utile aprire il prestito a investimenti transeuropei innovativi per rispondere ai ritardi comuni nell'integrazione, cosa che non è stata quasi mai fatta?

Innovare per ricostruire il bilancio

L'innesto del grande prestito, in ogni caso, sconvolgerà l'equilibrio del bilancio in modo molto duraturo. A partire dal 2027 dovrà essere adottato un bilancio 2028-2034, che integri tutti gli obblighi comuni per il rimborso delle scadenze a partire dal 2028. Ciò richiederà riforme sia sul fronte delle entrate che su quello delle spese.
Per quanto riguarda le entrate di bilancio, avremo pochi anni per ricostruire e aumentare le risorse proprie senza aumentare la pressione fiscale complessiva di un'Europa che è già campione del mondo. Al contrario, la nostra competitività e attrattiva ci imporranno di ridurre questo onere attraverso economie di scala, avviando al contempo un riavvicinamento fiscale tra i Paesi, che per il momento è stato lasciato inalterato.
Un calendario fiscale indicativo è già stato delineato dai 27, con particolare riferimento a plastica, emissioni di carbonio, digitale, transazioni finanziarie e tassazione delle imprese. Nel mirino ci sono anche i "gafa" e altri giganti di internet, che finora hanno approfittato delle falle del nostro sistema fiscale per arricchirsi al minor costo. Queste decisioni richiederanno certamente l'unanimità, ed è per questo che finora abbiamo fallito. Tuttavia, poiché tutti gli Stati sono ora corresponsabili del prestito, domani tale unanimità non sarà più irraggiungibile!
Per quanto riguarda le spese, non sarà più possibile rimandare la comunitarizzazione dei doppioni nazionali a costi inferiori e maggiore efficienza, anche se un'integrazione credibile richiede risorse all'altezza del compito: sicurezza e difesa europea, amministrazione doganale unificata, questioni comuni di polizia, giustizia e protezione civile, sostegno alle nuove tecnologie (digitale, robotica, biotecnologie, ambiente). I 27 hanno posto particolare enfasi sulla questione del clima, ma non saranno eluse altre priorità comuni. Si deciderà finalmente di creare un Istituto di bilancio europeo per iniziare a valutare le economie di scala, indirizzare i progetti e ordinare le priorità?

Innovare per stimolare la crescita

Una tale riorganizzazione del bilancio comunitario permetterebbe già di sostenere in modo significativo la crescita di cui l'Europa ha assolutamente bisogno, sia per assumere e poi ridurre il suo debito ai vari livelli, sia per recuperare la sua posizione nella competizione globale. Tuttavia, per raggiungere questo obiettivo, non si può nemmeno evitare un riorientamento fondamentale di un certo numero di politiche comuni, così come sono attualmente condotte dalla Commissione europea.

La politica europea della concorrenza merita di essere in cima alla lista di queste riforme. Di fronte a una globalizzazione tanto ineluttabile quanto aggressiva, d'ora in poi dovrà concentrarsi non sul dissuadere ma sul promuovere l'emergere e il successo dei campioni europei, fornendo al contempo un migliore sostegno all'intensificazione delle reti transnazionali di subfornitura con le PMI.
È quindi giunto il momento di trarre tutte le lezioni dal tragico declino delle aziende europee nella competizione globale sulle nuove tecnologie. Nonostante i lodevoli sforzi dei Commissari Davignon e Bangeman, già negli anni '80, per raggruppare queste imprese attorno a progetti futuri, la cieca ostinazione della Direzione Generale della Concorrenza della Commissione ha limitato questi raggruppamenti alla fase "precompetitiva" e li ha scoraggiati a livello operativo e industriale, contribuirà direttamente ad escludere gli europei dai nuovi giganti che oggi spadroneggiano nel mondo globalizzato di internet, del commercio online, degli schermi piatti, degli smartphone, dei robot e di altri strumenti connessi, costringendo al contempo gli stessi europei, in molti casi, a vendere i propri brevetti o addirittura i propri marchi agli americani, ai cinesi, ai coreani o ad altri!
Quanto alla politica commerciale esterna comune, attualmente aperta a tutti i venti, è altrettanto indispensabile, al di là della ricerca troppo spesso ingannevole e artificiosa della reciprocità, arbitrarla d'ora in poi in base agli interessi strategici, tecnologici e di sicurezza prioritari dell'Europa, come stanno facendo senza remore gli Stati Uniti, la Cina e gli altri.

Innovare per riconquistare la fiducia

Al di là di tutti i meriti del grande prestito, che avrà consentito un passo avanti tanto importante quanto inaspettato per la costruzione dell'Europa, resta una questione da cui dipenderà il futuro: i nuovi obblighi, contabili e giuridici, che d'ora in poi legheranno i nostri Stati in solido, saranno sufficienti a costringerli a recuperare, volenti o nolenti, tutto il tempo perduto?
La risposta a questa domanda determinerà ovviamente il destino dell'ultima possibilità data all'Europa di rilanciare, completare e perpetuare la sua integrazione, cioè di affermarsi nella globalizzazione e riconquistare la fiducia degli europei.

NEWSLETTER DELL'ACCADEMIA DI YUSTE Nº 3. Marzo 2021







Torna all'inizio